BOLLETTINO SINDACALE N.13 DEL 11 SETTEMBRE 2013

Please follow and like us:
0

Precari PA, il testo del ddl: tutte le novità per i lavoratori pubblici

Come è noto, il Governo in data 26.08.2013 ha predisposto il ddl salva precari della pubblica amministrazione, che alleghiamo al presente bollettino sindacale.

Innanzitutto, il disegno di legge introduce una nuova corsia preferenziale a tutti i lavoratori della PA assunti con contratto a termine nei concorsi pubblici. D’ora in avanti, infatti, e fino a tutto il 2015, il 50% dei posti messi a bando nelle selezioni, sarà riservato a coloro che abbiano maturato almeno tre anni di servizio nell’ultimo quinquennio.

Sempre in materia di organici, poi, viene stabilito come adottare contratti a tempo determinato, nella pubblica amministrazione, debba rappresentare, da qui in poi, esclusivamente un’eccezione o un’esigenza al fine di costituire un carattere esclusivamente temporaneo o eccezionale”. Restano inconvertibili i contratti in scadenza in forma definitiva, mentre le assunzioni a tempo indeterminato vengono identificate come le uniche applicabili nell’ambito PA.

Mentre invece sul versante dell’area dirigenti, c’è tempo fino al 31 dicembre 2013 per gli enti al fine di adottare i regolamenti organizzativi, pena, dal prossimo primo gennaio, l’impossibilità di ricorrere a nuovi innesti nei quadri della PA. Tutelati, comunque, i dirigenti con rapporti in corso e fino a fine contratto. Viene formata, fino a dicembre, una riserva degli incarichi dirigenziali equivalente al numero dei quadri in eccedenza rispetto al piano di ristrutturazione organico.

In tema di esuberi, viene specificato che ci saranno altri 12 mesi rispetto al termine prefissato di fine 2014 per potersi ritirare dal lavoro con i requisiti antecedenti alla legge Fornero. La previsione dei numeri in eccedenza dovrà essere fornita entro il prossimo 30 settembre; non oltre la fine del 2015, poi, andranno indicati anche tutti coloro che, posti tra le quote in esubero, non potranno essere reintegrati. Quindi, viene concesso alle società partecipare di accordarsi per attuare piani paralleli di mobilità del proprio personale (massimo 3 anni, con quota del 30% dello stipendio spettante alla “municipalizzata”), così come quegli enti che controllino le società stesse verranno obbligati a stilare dei piani industriali sugli organici delle società stesse.

Infine, tra le novità sicuramente più attese del ddl salva precari, poi, la conferma di nuove mille assunzioni nel corpo dei Vigili del Fuoco, a lungo attese dalla massa di discontinui che prestano servizio nelle caserme. A questo proposito, le graduatorie vengono spostate di validità fino alla conclusione del 2015: nel complesso, si tratta di un portafoglio di circa 75 milioni di euro nei prossimi 3 anni, che inciderà sui compensi dei volontari.

Cordiali saluti

IL COORDINAMENTO NAZIONALE

CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI

Scarica il Bollettino Sindacale n. 13 del 11.09.2013

Please follow and like us:
0