RESOCONTO DELLA RIUNIONE DEL 20 GENNAIO 2023

Please follow and like us:
0

PROGRESSIONI ECONOMICHE, TROVATO UN ACCORDO NELL’AMBITO DEL FRD.

AVVIATA LA DISCUSSIONE SULLA MOBILITÀ INTERNA

ULTIME NOTIZIE SULLE ASSUNZIONI MIC

In data odierna, si è svolto il proseguo dell’incontro tra Amministrazione e OO.SS per identificare, nell’ambito del Fondo Risorse Decentrate, delle risorse economiche da destinare alla procedura relativa alle progressioni economiche all’interno delle aree.

L’Amministrazione ha comunicato di aver interloquito con la parte politica sulla possibilità di poter effettuare due progressioni con i 9 milioni accantonati nel 2022, ma su questo la decisione è ferma e cioè procedere con una sola progressione economica nel 2023, così facendo il 50% del personale ha la possibilità di partecipare a tale procedura.

Quindi, ricapitolando, nell’accordo sul Fondo Risorse Decentrate 2023 saranno stanziati € 10 milioni per le progressioni economiche 2023.

Al momento l’accordo sul FRD (Fondo Risorse Decentrate) non è stato ancora siglato in quanto, ci sarà da discutere su altri capitoli quali turnazioni, posizioni organizzative, di specifica responsabilità, ecc. L’obbiettivo di oggi era trovare un accordo sulle progressioni economiche.

Pertanto, restiamo in attesa che l’Amministrazione ci faccia pervenire un ulteriore testo aggiornato.

Inoltre, il tavolo tecnico appositamente costituito, continuerà il lavoro per stabilire l’attribuzione dei punteggi.

MOBILITÀ TERRITORIALE INTERNA DEL PERSONALE

Altro tema discusso in data odierna è stata la mobilità territoriale interna del personale.

L’Amministrazione su questo ha presentato una bozza di protocollo d’intesa sulla quale l’Unsa ha esposto le sue perplessità, soprattutto in merito alla percentuale di uscita dai singoli istituti, la quale secondo l’Amministrazione non deve essere inferiore al 50-60%.

Su questo l’Unsa, unitamente al tavolo sindacale, ha chiesto di poter abbassare tale percentuale al 30%, onde consentire la movimentazione di più personale che ne faccia richiesta.

Altro punto da discutere è l’articolo 2. che stabilisce quanto segue:

  • Per i profili professionali la cui dotazione organica di diritto prevede un numero di posti pari a tre unità, la possibilità di uscita è pari a massimo due unità, purché permanga un’unità assegnata e in servizio presso l’istituto di provenienza;
  • Per i profili professionali la cui dotazione organica di diritto prevede un numero di posti pari a due unità, la possibilità di uscita è pari a un’unità, purché permanga un’unità assegnata e in servizio presso l’istituto di provenienza;
  • Per i profili professionali la cui dotazione organica di diritto prevede un numero di posti pari a un’unità (c.d. profilo unico), la possibilità di uscita è pari a un’unità qualora nell’istituto di destinazione ci sia carenza assoluta nel rispettivo profilo professionale.

La proposta fatta dall’Amministrazione per il tavolo è insufficiente in quanto a parere di alcune OO.SS. si dovrà tener conto di una diversa valutazione delle fattispecie, relative ai profili professionali, rispetto alla carenza di organico e differenziare le varie possibilità.

Inoltre, tenuto conto della discussione in atto e della volontà della maggioranza del tavolo, l’Unsa ha ribadito la necessità che tale procedura dovrà essere semplificata con la massima trasparenza e l’amministrazione dovrà procedere con speditezza ed efficacia.

All’uopo, è stato proposto dalle OO.SS. che la procedura di mobilità debba avere una decorrenza annuale e non biennale, anche in presenza degli interpelli.

L’amministrazione ha preso buona nota di quanto proposto è ci farà avere al più presto una nuova versione dell’accordo.

Inoltre, la stessa ha presentato la tabella con i criteri che dovrà completare e farci pervenire per una più ampia discussione del tema mobilità.

ASSUNZIONI

Nelle varie ed eventuali, è stato chiesto informazioni circa lo scorrimento degli AFAV, l’Amministrazione a questo proposito ha fatto conoscere che si procederà allo scorrimento dei 400 AFAV più 176 rinunciatari. Inoltre, ha trasmesso al Formez le sedi da assegnare e quindi a breve ci sarà la pubblicazione sul portale per l’avvio delle relative procedure di assunzione.

Stessa cosa sta avvenendo per i 100 Assistenti Informatici, dove l’Amministrazione ha fatto pervenire le sedi disponibili.

Per quanto riguarda invece, gli Assistenti Amministrativi si registra un ritardo della procedura.

Per i tirocinanti della Calabria, l’Amministrazione ha precisato che è in attesa di una ricognizione avviata dal Segretariato regionale della Calabria e finalizzata alla assegnazione delle sedi di servizio.

Sempre a disposizione, con l’occasione si inviano cordiali saluti

IL SEGRETARIO NAZIONALE
Dott. Giuseppe Urbino

Comunicato_03_2023

 

Please follow and like us:
0