RESOCONTO RIUNIONE DEL 26 FEBBRAIO 2021 SUL PIANO DI VALORIZZAZIONE E SU ALTRI ARGOMENTI

Please follow and like us:
0

 

In data di ieri, si è svolto l’incontro di contrattazione nazionale con all’ordine del giorno argomenti decisamente importanti, ossia quello sul Piano di Valorizzazione anno 2021 (PdV 2021), accordo delle somme per le turnazioni e altre questioni quali Buoni Pasto, Direzione Generale del Turismo ancora presente ed altro.

PIANO DI VALORIZZAZIONE ANNO 2021

Le risorse devolute a tale Piano quest’anno sono pari a ben 5 milioni di euro e i progetti ricalcano più o meno sempre quelli sulla falsa riga di quelli degli anni passati.

Quindi secondo la distribuzione sottoelencata dei vari progetti all’interno del Piano:

Domenica di carta (10 ottobre 2021): impegno complessivo € 340.900 – DG Archivi (€ 208.600); DG Biblioteche e diritto d’autore (€ 125.600); DG Educazione, ricerca e istituti culturali (€ 6.700). Il compenso previsto è di € 135 (al lordo oneri dipendente; € 179,14 al lordo degli oneri dell’amministrazione) per l’area III e di € 110 (al lordo oneri dipendente; € 145,97 al lordo degli oneri dell’Amministrazione) per l’area I/II.

Eventi diurni della durata di quattro ore con visite guidate a monumenti e aree archeologiche, aperture di luoghi della cultura normalmente chiusi al pubblico, presentazione di progetti nelle due Giornate Europee del Patrimonio 2021 (25-26 settembre 2021): impegno complessivo € 1.105.400 – DG Archivi (€ 208.600); DG Biblioteche e diritto d’autore (€ 125.600); DG Educazione, ricerca e istituti culturali (€ 20.200); DG Archeologia, belle arti e paesaggio (€ 161.000); DG Musei (€ 534.500); DG Bilancio (€ 7.000); Segretariati (€ 43.500); DG Organizzazione (€ 5.000). Il compenso previsto, per attività di quattro ore da svolgersi al di fuori del normale orario di lavoro, è di € 135 (al lordo oneri dipendente; € 179,14 al lordo degli oneri dell’amministrazione) per l’area III e di € 110 (al lordo oneri dipendente; € 145,97 al lordo degli oneri dell’Amministrazione) per l’area I/II.

Eventi serali di tre ore per le Giornate Europee del Patrimonio (25 settembre 2021) e per la Notte europea dei Musei (15 maggio 2021, da confermare) – Impegno complessivo: € 823.700 – DG Archeologia, belle arti e paesaggio (€129.500); DG Musei (€ 691.700); DG Creatività contemporanea (€ 2.500). I progetti riguardano tutti i luoghi della cultura accessibili al pubblico, ad esclusione di archivi e biblioteche. Il compenso previsto è di € 135 (al lordo oneri dipendente; € 179,14 al lordo degli oneri dell’amministrazione) per l’area III e di € 110 (al lordo oneri dipendente; € 145,97 al lordo degli oneri dell’Amministrazione) per l’area I/II. Aperture straordinarie dei luoghi della cultura: impegno complessivo € 2.730.000 – DG Archivi (€ 203.600); DG Biblioteche e diritto d’autore (€ 120.600); Segretariati (€ 77.500); DG Educazione, ricerca e istituti culturali (€ 48.000); DG Archeologia, belle arti e paesaggio (€ 346.000); DG Musei (€ 1.934.300). Il compenso previsto è di € 135 (al lordo oneri dipendente; € 179,14 al lordo degli oneri dell’amministrazione) per l’area III e di € 110 (al lordo oneri dipendente; € 145,97 al lordo degli oneri dell’Amministrazione) per l’area I/II per le aperture straordinarie diurne di quattro ore e serali di tre ore, mentre di € 160 (al lordo dipendente; € 212,32 al lordo degli oneri dell’amministrazione) per l’area III e di € 135 (al lordo dipendente; € 179,14 al lordo degli oneri dell’amministrazione) per l’area I/II, per le aperture serali di quattro ore.

Tale Piano è stato condiviso dalle OO.SS. presenti al tavolo, ma al tempo stesso sono state chieste alcune correzioni che qui di seguito riportiamo:

Intanto, ad esempio quella di ridurre da 4 a 3 ore le aperture straordinarie sia diurne che serali in considerazione del problema COVID che ci perseguiterà quasi sicuramente anche per il 2021 e che per tale motivo sarà molto difficile avere la normalità anche dal punto di vista dell’utenza.

Abbiamo come sempre sottolineato che a fronte di un impegno economico che riconosce comunque e di fatto delle belle somme ai lavoratori, e su cui anche noi abbiamo dato il nostro parere di condivisione, parlare, però, soprattutto oggi di aperture straordinarie e di bei progetti ci appare pretestuoso e quanto mai inopportuno se l’amministrazione di questo ministero non si rende conto che ormai non si può più garantire nemmeno l’apertura ordinaria nella stragrande maggioranza dei siti.

Tale paradosso deve concludersi quanto prima e sarebbe ora che il nostro ministero apra definitivamente i concorsi e l’entrata di giovani in quanto la situazione ormai è alla deriva già da parecchio tempo.

ACCORDO SUL PAGAMENTO DELLE TURNAZIONI ANNO 2021

Su questo accordo l’Unsa ha chiarito che sarebbe necessario prevedere comunque la possibilità di trovare i fondi per l’eventuale ricorso ad altra forma di intervento qualora non si riesca a sopperire la sicurezza dei siti né con i custodi casieri né con l’istituto della reperibilità.

PROGETTI LOCALI 2020

La buona notizia è quella che la DG Bilancio ha pubblicato la circolare sull’assegnazione dei vari budget d’Istituto per i famosi Progetti Locali.

Si tratta di circa 1,350 euro pro capite rispetto ai 550 passati e questo chiaramente è dipeso dall’impegno profuso che abbiamo fatto e che sempre faremo a favore dei lavoratori.

BUONI PASTO

Sull’argomento il Direttore del Bilancio ha spiegato che purtroppo la questione sui buoni pasto difficilmente potrà concludersi prima di parecchi mesi in quanto le procedure di appalto si sono bloccate e lo spiraglio di una risoluzione non sarà possibile averlo in tempi brevi.

CONCORSO PER IL RECLUTAMENTO DEI 500 ADDETTI ALLA VIGILANZA

Abbiamo chiesto novità sul concorso dei 500 della vigilanza da reclutarsi attraverso le graduatorie dei centri dell’impiego e abbiamo sollecitato che queste graduatorie vengano fornite quanto prima anche da quelle regioni dormienti che non forniscono tali graduatorie ai Segretari Regionali.

Speriamo quindi che il tutto si risolva quanto prima e si immettano in ruolo almeno questa parte di nuovi lavoratrici e nuovi lavoratori.

LA QUESTIONE DEL TURISMO

Come si ricorderà il Turismo era stato inserito nel nostro ministero tant’è che da MIBAC era divenuto MIBACT con la T finale, ora che il Turismo fa ministero a se la dicitura nuova è quella di Ministero della Cultura, ma questo non è il grande problema.

La cosa grave è invece quella di non aver ancora effettuato una completa transizione del ministero del Turismo, e soprattutto per il fatto che la DG Turismo istituita con DM si stava allocando all’ICCU con molti dei nostri dipendenti bisognerà prevedere il diritto di scelta di questi dipendenti se rimanere con noi o con il nuovo ministero del Turismo.

Rispetto a tali richieste l’amministrazione si è impegnata a risponderci quanto prima.

Come sempre quindi seguiteremo a tenervi informati sulle riunioni nazionali e sarà nostra cura garantire al meglio i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori tutti.

Cordialmente

IL COORDINAMENTO NAZIONALE

CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI

Comunicato_05_2021

Please follow and like us:
0