ECCO QUANTO DISCUSSO IN VIDEOCONFERENZA AL TAVOLO NAZIONALE DEL 30 DICEMBRE 2020

Please follow and like us:
0

 

 

IPOTESI DI ACCORDO CONCERNENTE I CRITERI PER L’EROGAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI SECONDA FASCIA A.F. 2019.

In merito all’Ipotesi di accordo concernente i criteri per l’erogazione della retribuzione di risultato ai Dirigenti di seconda fascia A.F. 2019, l’accordo presentato dall’Amministrazione, a parte essere un “copia e incolla” di quello dell’anno precedente, si articolava solo su una distribuzione economica attraverso varie fasce e quote distinte derivate dall’assegnazione di punteggi ai vari dirigenti di seconda fascia.

Nel merito, l’Unsa ha evidenziato la necessità di essere portati a conoscenza sui criteri degli accordi sottoscritti, rispetto al Sistema di valutazione della performance di questi dirigenti, fossero stati rispettati e se veramente i punteggi assegnati erano frutto di reali capacità e di impegni soprattutto gestionali nei confronti del personale delle strutture a loro assegnate.

Peraltro, l’accordo prevedeva anche la retribuzione aggiuntiva per incarichi ad interim e anche su questo, l’UNSA ha chiesto maggiore trasparenza e chiarezza nel senso di conoscere come mai esistono sempre più interim per i medesimi dirigenti. Abbiamo portato esempi lampanti rispetto alle difficoltà già abbastanza gravose per un incarico da dirigente figuriamoci per più incarichi alla stessa figura dirigenziale.

Inoltre, è emersa la decisione di rimandare al nuovo anno la discussione di tale argomento, a prescindere dalla necessità di uno sviluppo unicamente basato su aspetti economici, ma in realtà che possa rappresentare meglio tutta una serie di approcci riconosciuti con i criteri già approvati e che sono stato frutto di un lungo lavoro intorno alle reali capacità manageriali di questi dirigenti. Tuttavia la problematica potrà essere affrontata anche nell’ambito della discussione di cui all’art. 28 del CCNL.

INFORMATIVA PIANO TRIENNALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE 2019-2021

Premesso che, tutti gli argomenti all’ordine del giorno necessitano di una attenzione profonda da parte del sindacato, in merito al piano triennale del fabbisogno del personale 2019-2021, non possiamo che recepire tale informativa per quello che è e per come ci è stata consegnata, se pur un primo passo di partenza, comunque tale argomento necessiterà poi di un confronto più incisivo e più determinante rispetto ai contenuti rappresentati, e che il fabbisogno così come rappresentato dovrà essere messo in discussione con tutti gli altri parametri associati a partire dai passaggi orizzontali, gli scorrimenti delle graduatorie per i passaggi d’area, la revisione dei nuovi profili, la mobilità e così via, insomma tutta una serie di questioni legate agli organici e ai loro fabbisogni.

Si dovrà tener conto anche dei prossimi pensionamenti, che determinerà un ulteriore diminuzione degli organici, e quindi occorrerà rivedere il sistema della revisione delle dotazioni organiche a fronte del DPCM 169/2019.

Il Piano consegnatoci dall’Amministrazione, che ad ogni buon conto si allega, prevede circa 4.300 assunzioni, ma a nostro parere e facilmente condivisibile anche da parte delle altre OO.SS., sono del tutto insufficienti, rispetto ai numeri dei sotto organici che risultano pari ad un complessivo di circa 8.000 unità.

Nel corso della riunione è stato ribadito che, l’argomento in discussione, dovrà essere approfondito successivamente con l’organo politico al fine di avere quel sostegno più forte, dal momento che le sole procedure amministrative non bastano. Tale sostegno potrebbe aiutare così ad aumentare quei carichi delle assunzioni per il MIBACT ormai allo stremo di personale in ogni settore e per ogni profilo professionale.

La Dott.ssa Sara CONVERSANO – Direttore del Serv. II della D.G.O. ci ha in qualche modo rassicurato e ha assicurato che le nostre richieste da parte sindacale verranno rispettate e si affronteranno con i tavoli tecnici tutti gli argomenti relativi alle tematiche sopraesposte.

Questa dei fabbisogni include la necessità di affrontare più rapidamente la questione relativa ai concorsi messi in bando e che abbiamo sollecitato a concludere e a definire quanto prima. 

INFORMATIVA PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2020-2022;

L’informativa prevalentemente ha riguardato lo Smart Working e il co Working, che dovranno divenire di prassi e di normale routine lavorativa anche quando finirà tutta la fase emergenziale COVID 19.

Pertanto, è emerso il “gap del MiBACT rispetto ad altre Amministrazioni le quali già da tempo avevano sperimentato queste tipologie lavorative.

Sono stati affrontati altri argomenti inerenti al Piano triennale hanno riguardato ad esempio il tema delle convenzioni e quello delicatissimo del CUG rispetto ad esempio sul fenomeno del “Mobbing” e di una necessaria e rapida formula per tentare di prevenirlo attraverso uno specifico Progetto Anti mobbing.

Riguardo al Piano Triennale delle azioni positive che la nostra Amministrazione dovrà impegnarsi, è stato il coinvolgimento dell’Organismo Paritetico dell’Innovazione che porterà sicuramente a frutto le possibili soluzioni attraverso varie proposte anche e soprattutto sindacali.

VARIE ED EVENTUALI

Al termine della riunione nelle “varie ed eventuali” sono state segnalate alcune problematiche relative alla consegna delle card dei buoni pasto, causali eliminate in Europaweb rispetto al cambio di consegne che dovranno essere ripristinate, così come un’altra problematica è quella delle posizioni organizzative 2021 onde poter consentire di espletare gli interpelli e rispetto ai quali l’Amministrazione si è impegnata a dare risposte al riguardo quanto prima.

Per ora abbiamo sintetizzato il tutto e cogliamo l’occasione per augurare a tutte le lavoratrici e i lavoratori del MiBACT un felice anno nuovo 2021, e auspichiamo la risoluzione delle problematiche in discorso, in attesa della costituzione dei vari tavoli tecnici al fine di instaurare un dialogo condiviso con tutte le parti interessate.

Cordialità e saluti

IL COORDINAMENTO NAZIONALE
CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI

Comunicato_28_2020

Please follow and like us:
0