RIUNIONE DEL 23 SETTEMBRE A ROMA.

Please follow and like us:
0

PROGETTI DI VALORIZZAZIONE E PAGAMENTI I TEMI DISCUSSI AL TAVOLO (MA NON SOLO).

“Serve chiedere tutti insieme un intervento in campo politico per apportare le opportune variazioni nella fase di bilancio”, lo ha detto oggi nella riunione convocata sulla verifica dei progetti di valorizzazione il direttore del Bilancio Paolo D’Angeli che ha sottolineato la farraginosità delle norme che rallentano pagamenti e migliori organizzazioni.

Questo va pensato anche sulla scorta delle maggiori disponibilità finanziarie che si sono sprigionate per accantonamenti diversi e per finanziamenti aggiuntivi erogati durante la Pandemia.

Di contro “non saranno in pagamento alcuni progetti FUA legati alle aperture degli istituti e incompatibili con il lockdown” ha informato il dg bilancio.

L’aumento dell’indennità dell’amministrazione per esempio calcolato dal primo gennaio 2020 deve essere contabilizzato sulle buste paga dei dipendenti per mano del ministero dell’Economia e Finanza e si ipotizza possa realizzarsi “entro la fine dell’anno”.

Un tema, i pagamenti in ritardo, che interessa alcuni meccanismi del Ministero dell’Economia ma non solo. Ipotizzato anche durante la riunione di ragionare anche in termini di aumento di budget e delle quote individuali e di agganciare il piano di valorizzazione a criteri meno rigidi di contabilità con eventuale trascinamento di soldi della programmazione. Ipotizzato anche dalle dare maggior tempo agli Istituti per spendere il budget.

I risultati di verifica sugli istituti coinvolti hanno interessato le autorizzazioni di spesa e relativi rendiconti sui piani di valorizzazione 2019 che avevano un budget di 5 milioni di euro di cui è stato speso in sintesi oltre l’80 per cento.

Sulla contabilità interessante è stata l’ipotesi da realizzare circa la necessità di formazione e aggiornamento in campo di norme legate agli aspetti di contabilità.

Numerosi gli interventi al tavolo non compresi all’ordine del giorno tar cui l’informativa resa dal dirigente del servizio personale dott.ssa Conversano che ha spiegato la convenzione siglata con il comune di Roma nel “tentativo” a legislazione vigente di tamponare la situazione di sotto organico delle Biblioteche di Roma con l’assorbimento di 40 unità delle graduatorie del comune nel rispetto dei titoli di studio e dei requisiti concorsuali.

Si tratta della procedura 34bis di mobilità straordinaria accolta con preoccupazione da tutti.

Tale notizia infatti pur apprezzata non è stata però favorevolmente accolta in quanto pregiudica gli aspetti legati alla “Mobilità” e ai Funzionari ombra che attendono i relativi conferimenti con la procedura interna che potrà essere disattesa per dare precedenza a queste nuove figure dall’esterno.

Nei due specifici interventi l’UNSA si è espressa con toni decisi.

Nel primo ha manifestato che rispetto all’argomento dei 5.000.000 di euro assegnati ai Progetti di Valorizzazione e sul fatto che non si riesce mai a spenderli tutti, chiarite le variabili tecniche ed economiche per fare in modo di non far tornare indietro queste economie, la principale variabile sempre sconsiderata risulta nella definizione della carenza d’organico e nella reale consistenza del personale.

Secondo elemento è quello che i progetti di valorizzazione dovrebbero essere eseguiti nell’intera annualità finanziaria per consentire lo svolgimento di molti più eventi e aperture straordinarie rispetto alle attuali in programmazione.

Ad ogni modo il fattore determinante è quello per cui bisognerebbe ragionare daccapo sulla reale possibilità di aperture normali e ordinarie e poi su quelle straordinarie e legate ai Progetti di Valorizzazione.

Ma vediamo comunque di sintetizzare i vari punti trattati:

Piano di Valorizzazione 2019

In sostanza abbiamo ricevuto l’informativa da parte del dott. Paolo D’Angeli, Direttore Generale del Bilancio, che ha comunicato una spesa totale di euro 4.394.200 a fronte dei 5.000.000 assegnati.

Pertanto, si allega il relativo materiale

Indennità di Amministrazione

Sempre da parte del Direttore Generale del Bilancio è stato riferito che l’indennità di amministrazione è stata finalmente determinata dal MEF e che sicuramente dal 1 gennaio 2020 i lavoratori si vedranno riconosciute le somme di tale indennità annuale pari a 650/700 euro per la II area e 850/900 per la terza area, chiaramente comprensivi di arretrati;

Conto terzi

Il decreto di riparto Maggio – Ottobre 2019 con la circolare 65/2020 si avranno i pagamenti previsti per il conto terzi finora disattesi;

Bibliotecari provenienti dalle graduatorie del Comune di Roma

Su tale argomento abbiamo dichiarato quanto espresso nell’introduzione del presente comunicato.

E’ stato del tutto evidente il nostro atteggiamento contrario a questa soluzione in quanto il ministero non può lasciare in sospeso lo scorrimento delle graduatorie e del passaggio d’area degli idonei. Su questo abbiamo anticipato già che nella riunione di domani ci faremo sentire a gran voce e che tali comportamenti rasentano la follia e una consapevolezza di aggiustare troppo semplicemente le cose a maniera veramente irrazionale.

Inoltre, riferendosi ai 40 bibliotecari del Comune di Roma che vorrebbero essere presi dal MIBACT, “non vorremmo, che si generasse confusione su confusione” ha dichiarato il Vice Segretario Nazionale Confsal-Unsa Vincenzo D’INDINOSANTE in video conferenza dalla Puglia “Qui a Bari nella Biblioteca è in servizio un solo bibliotecario” mentre ancora c’è il blocco dello scorrimento delle graduatorie e del trasferimento del personale.

Al termine della riunione tutte le sigle sindacali hanno chiesto informazioni sul piano assunzionale, sulla selezione di dirigenti comma 6, sullo Smart Working su cui non è stato messo sul tavolo e firmato un accordo di comparto.

Si resta in attesa di nuovi sviluppi rispetto alle questioni trattate.

Cordialmente

IL COORDINAMENTO NAZIONALE
CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI

Comunicato_20_2020

Please follow and like us:
0