LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE VOLTO A DEFINIRE UN PROTOCOLLO CONDIVISO DI PREVENZIONE E SICUREZZA DEI DIPENDENTI E UTENTI IN ORDINE ALL’EMERGENZA SANITARIA DA “COVID-19” PER MUSEI E LUOGHI DELLA CULTURA.

Please follow and like us:
0

Si pubblica qui di seguito la nota unitaria delle OO.SS. FP CGIL, CISL FP, UIL PA, FLP, CONFSAL- UNSA.

Egregi Dirigenti,

tra Funzione Pubblica e OO.SS. è stato sottoscritto il “Protocollo di accordo per la prevenzione e la sicurezza dei dipendenti pubblici in ordine all’emergenza sanitaria da Covid-19” con il quale si evidenzia “la opportunità, per il periodo di emergenza, che le amministrazioni promuovano modalità di comunicazione e confronto con le rappresentanze sindacali sui punti del presente protocollo al fine di condividere informazioni e azioni volte a contemperare la necessità di tutela del personale e dell’utenza, con quella di garantire l’erogazione di servizi pubblici essenziali e indifferibili”.

Tale principio è stato ribadito poi nel “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali”, allegato al DPCM del 26 aprile 2020 in cui si ribadisce che ”ferma la necessità di dover adottare rapidamente un Protocollo di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus che preveda procedure e regole di condotta, va favorito il confronto preventivo con le rappresentanze sindacali presenti nei luoghi di lavoro, e per le piccole imprese le rappresentanze territoriali come previsto dagli accordi interconfederali, affinché’ ogni misura adottata possa essere condivisa e resa più efficace dal contributo di esperienza delle persone che lavorano, in particolare degli RLS e degli RLST, tenendo conto della specificità di ogni singola realtà produttiva e delle situazioni territoriali”.

Alla luce di quanto sopra esposto, attese le recenti comunicazioni dell’On. Ministro al Parlamento sulla possibile riapertura al pubblico di musei e luoghi della cultura a partire dal prossimo 18 maggio, si richiede un incontro urgente volto a definire un protocollo condiviso di prevenzione e sicurezza dei dipendenti e utenti in ordine all’emergenza sanitaria da “Covid-19” per musei e luoghi della cultura. Tale protocollo deve prevedere, in ogni sede di contrattazione decentrata, l’avvio della contrattazione sulle misure concernenti la salute e la sicurezza sul lavoro ai sensi dell’articolo 7,

comma 6, lettera k) del CCNL Funzioni Centrali.

Tale protocollo, non una mera comunicazione, e la sua pedissequa applicazione locale sono la conditio sine qua non per una corretta riapertura con misure di sicurezza e di praticabilità sanitaria tali da dare garanzie a lavoratori, cittadini e visitatori che musei, archivi, biblioteche, parchi ed aree archeologiche sono luoghi sicuri.

In assenza di riscontro o di iniziative difformi da quanto sopra richiesto, si valuterà ogni opportuna iniziativa conseguente a tutela, nel rispetto delle norme vigenti, della salute e sicurezza dei lavoratori e dei cittadini, senza escludere la proclamazione dello stato di agitazione.

LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE VOLTO A DEFINIRE UN PROTOCOLLO CONDIVISO DI PREVENZIONE E SICUREZZA DEI DIPENDENTI E UTENTI IN ORDINE ALL’EMERGENZA SANITARIA

Please follow and like us:
0