L’UNSA VINCE UNA GRANDE BATTAGLIA DI CIVILTA’. LAVORATORI PUBBLICI DA OGGI IN LAVORO AGILE. INSIEME VINCEREMO L’EPIDEMIA

Please follow and like us:
0

“Esprimo soddisfazione per i contenuti del nuovo DPCM dell’11 marzo con il quale il Presidente del Consiglio dei Ministri Conte ha accolto le richieste formulate dall’UNSA con il recente atto di diffida affinchè ai lavoratori pubblici venisse assicurato appieno il diritto alla salute, senza l’inaccettabile penalizzazione di vedersi collocati in ferie forzate” afferma Massimo Battaglia, Segretario Generale della Federazione Confsal-UNSA

 “Il DPCM, come da noi richiesto, ferma restando la necessità di favorire il più possibile la fruizione degli istituti su base volontaria (tra cui le ferie, i congedi ed i permessi) previsti dai contratti collettivi, introduce – e qui è la novità – “in via ordinaria” lo svolgimento delle prestazioni lavorative informa agile (c.d. smart working) anche in deroga alle modalità previste dalle norme di riferimento” spiega Battaglia.

 “Sin dalle prime ore di oggi abbiamo chiesto a tutte le amministrazioni” prosegue

Battaglia “confortati anche dal parere del nostro legale Avv. A. Mirra, l’applicazione immediata del DPCM e considerare già da stamattina i dipendenti in lavoro agile da casa, salvo coloro che devono assicurare i servizi pubblici essenziali”

“Naturalmente, in presenza di ingiustificate “resistenze” siamo pronti ad ogni azione, anche giudiziale, per difendere i lavoratori che dovessero essere ulteriormente penalizzati dalle amministrazioni inadempienti” fa sapere il Segretario generale del sindacato autonomo.

“Tutti insieme” conclude Battaglia “vinceremo anche questa prova nazionale, attraverso comportamenti consapevoli, corretti, di buon senso a partire da quelli decisi da oggi dalle amministrazioni nei confronti dei loro dipendenti”

 CORONAVIRUS- A TUTTE LE AMMINISTRAZIONI, APPLICAZIONE IMMEDIATA LAVORO AGILE DPCM 11 MARZO 2020.

Questa O.S. ha accolto con soddisfazione, finalmente, le disposizioni per il pubblico impiego contenute nel DPCM del 11 marso u.s. volte al massimo contenimento possibile dell’epidemia da “coronavirus”.

Chiediamo a Codesta spett.le Amministrazione l’applicazione immediata della normativa in argomento, considerando sin da oggi i lavoratori pubblici ivi in servizio in lavoro agile da casa, senza subordinare tale condizione ad ulteriori atti o provvedimenti formali del dirigente responsabile, e senza dover attendere il provvedimento di individuazione della attività indifferibili da svolgere in presenza da parte dell’Amministrazione stessa, da adottare ai sensi del citato art. 6 del DPCM.

Chiediamo un intervento immediato volto al buonsenso, e mirato ad impartire a tutta la dirigenza di Codesta spett.le Amministrazione la disposizione di voler considerare –in applicazione del DPCM – ogni assenza dall’ufficio come attività di lavoro agile da espletare da casa, anche in deroga alle vigenti disposizioni, come previsto dal DPCM in argomento.

In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti.

Il Segretario Generale

Massimo Battaglia

L’UNSA VINCE UNA GRANDE BATTAGLIA DI CIVILTA’. LAVORATORI PUBBLICI DA OGGI IN LAVORO AGILE. INSIEME VINCEREMO L’EPIDEMIA.

Please follow and like us:
0