SINTESI DELLA RIUNIONE DEL TAVOLO NAZIONALE SUL PIANO DI FORMAZIONE, TAVOLO TECNICO SUL CCIM E ARGOMENTI VARI

Please follow and like us:
0

 

INFORMATIVA DI CARATTERE GENERALE IN MERITO ALLE ASSEGNAZIONI DELLE SEDI AI FUNZIONARI INTERESSATI ALLO SCORRIMENTO DELLE GRADUATORIE

La riunione è iniziata con l’esposizione del Dirigente del Servizio II in merito alle assegnazioni delle sedi ai Funzionari interessati allo scorrimento delle graduatorie.

A tal fine il Prof. Alessandro Benzia ha precisato che il tavolo è di confronto, relativo ai criteri utilizzati dall’Amministrazione nell’assegnazione delle sedi ai titolari del diritto di scorrimento.

L’incontro inizialmente previsto per il giorno 15.11.2019, era stato rinviato dall’Amministrazione su richiesta di alcune Organizzazioni Sindacali, e posticipato alla data del 20.11.2019.

Un rinvio accordato per prassi, dal momento che non sussistevano scadenze tassative o indifferibili e considerata la natura dell’istanza ai soli fini utili alla comprensione dei criteri già adottati dall’Amministrazione e non soggetti ad informativa o accordo sindacale.

Il Prof. Benzia, ha precisato per chiarire la legittimità della procedura che l’assegnazione delle sedi è avvenuta in conformità alla previsione normativa contenuta all’articolo 1, comma 342, della Legge 30 dicembre 2018, n. 145. La legge autorizzava il MiBACT a coprire, per l’anno 2019 le proprie carenze di personale assumendo in ordine di graduatoria nel limite massimo del 50 per cento delle facoltà assunzionali i candidati che, nelle procedure selettive interne per il passaggio, all’Area III con graduatorie approvate dal 1° gennaio 2010, si erano collocati nelle graduatorie in posizione utile, procedendo quindi alla definitiva destinazione del personale già assegnato (tenendo conto delle posizioni vacative e valutate le manifestazioni di interesse inviate dai singoli candidati).

In caso di posizioni soprannumerarie riscontrate in alcune Regioni, erano state considerate le informazioni di cui del piano del fabbisogno 2018.

In seguito ad alcune osservazioni ricevute dalle strutture periferiche, non risultando i dati anagrafici e di carriera del personale contenuti nell’applicativo SIAPWEB 3.0, il Servizio II della Direzione Generale Organizzazione aveva sollecitato con circolare n. 364 la revisione dei dati ai singoli Uffici dell’Amministrazione procedendo poi, ad una rettifica delle sedi di assegnazione in relazione ai vari profili professionali.

Per quanto riguarda il rinvio della riunione richiesta, l’Unsa, ritiene sia stato del tutto inutile, perché avvenuto soltanto dopo le assegnazioni delle sedi ai funzionari interessati: questo ha comportato un grave ed irrimediabile pregiudizio ai lavoratori.

Si è determinata una situazione alquanto convulsa, un groviglio generale tra graduatorie regionali, nazionali, piante organiche, scorrimento graduatorie dei concorsi, assegnazione del personale, fabbisogni e tutela.

L’informativa elaborata e illustrata dall’Amministrazione al tavolo di confronto, non ha ricevuto un generale apprezzamento. La tabella presentata non corrisponde alla disponibilità di posti in organico e non rispecchia le necessità.

Inoltre, a fronte di un blocco generale sulla mobilità, l’Amministrazione procede unilateralmente con spostamenti d’ufficio che riguardano persone adulte alla soglia della pensione che con stipendi bassi non sono evidentemente in grado di affrontare nuove spese.

Concorsi e esternalizzazioni non bastano per coprire i vuoti d’organico di un’amministrazione che per presenza sul territorio è seconda solo al ministero dell’Interno.

Le nuove procedure concorsuali per ora sono limitate ai mille dei musei e nel frattempo, come più volte annunciato è stato approvato il DL Ministeri che prevede l’incremento di organico di 25 dirigenti di livello non generale per soprintendenze, biblioteche e archivi, l’incremento delle assunzioni per ulteriori 150 unità di II area (100 in posizione F2, 50 in posizione F1) e la norma che consente al Ministero di avvalersi della società Ales per lo svolgimento delle attività di accoglienza e vigilanza nei musei, nei parchi archeologici statali e negli altri istituti e luoghi della cultura.

Di fronte ai tempi per l’espletamento delle procedure dei nuovi concorsi il Mibact farà ricorso al personale della società in house: una consuetudine non prevista dal codice dei beni culturali.

Ales spa è diventata anche la concessionaria per le attività di comunicazione, un settore in cui è evidente la volontà di voler mettere le “toppe” ad un sistema in uso da tempo che accresce enormemente la precarietà del lavoro all’interno del MiBACT e esternalizza le attività di informazione istituzionale e trasparenza amministrativa; previste – tra l’altro – anche dalla normativa anticorruzione.

Per l’Amministrazione le Soprintendenze non devono avere funzionari per la comunicazione – è emerso al tavolo – indicazione chiara sulle intenzioni future.

L’Unsa ha ribadito che le tabelle non coincidono con la realtà e le informazioni fornite non sono state precedute da adeguata documentazione a fronte di recenti dinieghi alle richieste di mobilità orizzontale interna e esterna da e verso altre amministrazioni”.

L’Unsa ha condiviso le posizioni critiche manifestate dagli altri sindacati anche rispetto al SIAP, l’anagrafica dei dipendenti costata 1 milione di euro che sembra però non aggiornata da uffici e dirigenti.

PIANO DI FORMAZIONE 2019

Formazione, criteri, crediti, corsi, contenuti, finanziamenti: sono questi invece i temi approfonditi oggi al tavolo con i sindacati con il nuovo direttore Educazione e ricerca che ha illustrato una metodologia innovativa e ha incassato il complimento di tutti.

La formazione continua caratterizzerà la prestazione lavorativa a livello periferico e centrale nel prossimo futuro quindi vanno individuati i beneficiari e i criteri di selezione e di rotazione, un quadro previsionale che sappia comprendere tutti perché la formazione sarà l’elemento principale anche per progressioni economiche e di carriera.

La direzione di settore ha evidenziato i corsi specialistici per i restauratori, quelli della SNA, scuola superiore pubblica amministrazione e i bisogni formativi che saranno esplicitati a seguire l’accordo quadro con la scuola superiore dei beni culturali firmato proprio in questi giorni.

Corsi di informatica di lingua straniera per l’attività ordinaria di rapporto con l’utenza, per il personale che svolge mansioni di assistenza al pubblico e di vigilanza, sono quelli richiesti in prima battuta dalla Confsal Unsa che si è riservata di formulare alcune proposte concrete tra cui quella relativa alla formazione – informazione sulla tutela della salute sui luoghi di lavoro

Ad ogni buon conto si allega la documentazione pervenuta oggetto di informativa odierna.

COMUNICAZIONI SUI LAVORI INSALUBRI

L’amministrazione ha comunicato che venerdì 29 novembre p.v. ci sarà un tavolo tecnico con Inps e Ministero del Lavoro al fine di discutere l’annosa problematica sui lavori insalubri. A questo proposito l’Amministrazione porterà la propria posizione chiara e netta condivisa anche da tutte le OO.SS. e in particolare dell’Unsa che da sempre ne ha fatto una propria battaglia.

PROSECUZIONE DEL TAVOLO TECNICO CCIM

Nel pomeriggio è proseguita l’incontro sul nuovo Contratto Integrativo di Ministero, e si è provveduto a rivedere alcune discrasie e refusi della bozza, in attesa che il tutto venga sottoposto per la sottoscrizione al tavolo nazionale che presumibilmente avverrà nel mese di dicembre.

INCONTRO CON IL MINISTRO IL 2 DICEMBRE 2019

Lunedì 2 dicembre 2019 sono state convocate le OO.SS. ad un incontro con il Ministro riguardante il DPCM di riorganizzazione del Ministero.

Sempre restando a disposizione si coglie l’occasione per inviare cordiali saluti

IL SEGRETARIO NAZIONALE

Dott. Giuseppe Urbino

Comunicato_20_19

Please follow and like us:
0