SIGLATO L’ACCORDO PER L’AVVIO DI UN PROGETTO PILOTA DI LAVORO AGILE

RICHIESTA DI RINVIO DATA ELEZIONI CONSIGLIO SUPERIORE

In data odierna si è tenuta la programmata riunione tra OO.SS. e Amministrazione relativa all’accordo per l’avvio di un progetto pilota di Smart Working o “Lavoro Agile”. Nel corso della riunione l’Amministrazione ha assicurato che dal 20 p.v. sarà attivato il portale, e la procedura sarà interamente gestita tramite questo e non vi sarà invio del cartaceo.

Il dipendente interessato, avrà 20 giorni di tempo per presentare la domanda e ulteriori quindici giorni in cui presenterà il progetto, il tipo di attività che andrà a svolgere.

L’attività è suddivisa in tre grandi gruppi

1) Attività di comunicazione;

2) Predisposizione di provvedimenti amministrativi, circolari, decreti, note ecc.;

3) Attività di analisi studio e ricerca..

La settimana prossima sarà emanata una circolare esplicativa.

Nell’accordo odierno rispetto a quello precedente, sono state apportate alcune modifiche migliorative e taluni chiarimenti emersi anche a seguito delle assicurazioni dell’UCB ad esempio il tema della reperibilità. Si è chiarito che la reperibilità non deve necessariamente essere in contrasto coi buoni pasto.

Ai fini delle graduatorie vi è stato un ampliamento a dipendenti che hanno figli fino a 14 anni di età e vede la maternità come criterio avente priorità assoluta. L’unica esclusione dal progetto è dato ai dipendenti che siano stati oggetto, nei due anni precedenti alla presentazione dell’istanza, di procedimenti disciplinari definiti con una sanzione superiore al rimprovero scritto.

Riguardo ai posti disponibili si pensa di ridistribuire l’eccedenza dei posti disponibili su base regionale.

E’ previsto che per lo svolgimento dell’attività svolta il dirigente preposto, ogni tre mesi dovrà fare un monitoraggio sul portale.

Pertanto si allega l’accordo sottoscritto in data odierna.

Ad ogni buon conto sarà nostra cura inviare detta circolare come di consueto.

IRREGOLARITÀ DELLA PROCEDURA DI AVVIO PER LE ELEZIONI DEL RINNOVO DEL CONSIGLIO SUPERIORE.

Infine nelle varie ed eventuali è emersa la problematica relativa alle irregolarità della procedura di avvio per le elezioni del rinnovo del Consiglio Superiore.

Tale formale irregolarità, è stata segnalata dall’UNSA con una nota che riportiamo qui di seguito, ed inviata al Presidente della Commissione Dott. Gino Famiglietti ed ai vertici ministeriali.

… “In merito alle elezioni di cui in oggetto, preme precisare che troppe sono le deroghe che si stanno attuando in merito alla procedura prevista da DPCM n.171/2014 in primis, seppur in forma pattizia, inosservanza dei termini previsti dal DPCM di cui sopra con atto di rango inferiore nella gerarchia delle fonti.

Successivamente e senza alcuna forma pattizia ma con una comunicazione via e-mail si apprende che la commissione elettorale probabilmente si insedierà mercoledì 13 p.v. e forse, per altre cause, viene rimandato il tutto al giorno 14, in contrasto con quanto stabilito con circolare n. 58 art. 4 comma 4 in virtù del quale “la commissione entro quarantotto ore dalla scadenza del termine……, redige le liste…..”. Pertanto la Commissione avrebbe dovuto insediarsi già prima e redigere le liste entro il 7 marzo u. s.

Ciò comporta la perdita di una settimana di corretta campagna elettorale, si ritiene quindi opportuno far slittare le elezioni di sette giorni salvo ulteriori ritardi.

Tanto quanto si doveva per opportuna informazione e norma” …

Pertanto, la questione assume notevole importanza, dal momento che si dovrà procedere all’emanazione di un nuovo decreto a firma del Ministro, per consentire il normale svolgimento delle elezioni di cui sopra.

Come sempre sarà nostra cura tenervi aggiornati in merito.

Cordiali saluti

Il Segretario Nazionale Aggiunto

Dott.ssa Maria Antonietta Petrocelli

Scarica e stampa il Comunicato_04_19