BENEFICI PENSIONISTICI DERIVANTI DA SUPERVALUTAZIONE DI PERIODI DI SERVIZIO ESPLETATO IN LAVORI INSALUBRI, AI SENSI DELL’ART. 25 DEL D.P.R. 29.12.1973, N. 1092

 

Il Segretariato Generale, ha emanato la circolare ministeriale n. 4 che si allega, concernente le determinazioni di riconoscimento, ai sensi dell’art. 25 del D.P.R. 29.12.1973, n. 1092, dei benefici pensionistici per il servizio espletato in lavori insalubri, fornendo gli elementi dispositivi e interpretativi.

Il dipendente interessato ad ottenere il riconoscimento di tale maggiorazione dovrà presentare apposita istanza al proprio superiore gerarchico.

Nell’istanza dovranno essere forniti le specifiche indicazioni:

  • della lavorazione svolta e inequivocabilmente riconducibile a una di quelle di cui all’allegato 1 del decreto luogotenenziale n. 1100/1919;
  • dell’Ente in cui si è svolta, per ciascun periodo, la lavorazione e/o è realizzato l’impiego;
  • dei periodi in cui si sono svolte le attività in questione;
  • delle ore di lavorazione indicate e tradotte in giornate-lavoro;
  • della mansione propria del profilo professionale di appartenenza

Per il calcolo della maggiorazione, i periodi di effettiva prestazione lavorativa a contatto con le sostanze nocive indicate nel predetto decreto luogotenenziale, dovranno essere computati con esclusione dei giorni di interruzione per ferie, festività o altre assenze.

Tutti i elementi dovranno essere comprovati attraverso idonea documentazione probatoria.

Sarà cura del Direttore dell’Istituto di appartenenza sovrintendere alla gestione della procedura istruttoria, finalizzata all’adozione della determinazione di riconoscimento dei periodi di servizio per lavori insalubri, provvedendo a verificare la sussistenza dei presupposti indicati nell’istanza, rilevandoli dalla documentazione agli atti dell’Ente e da quella eventualmente prodotta dall’interessato.

Cordiali saluti

IL COORDINAMENTO NAZIONALE

CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI

BENEFICI PENSIONISTICI DERIVANTI DA SUPERVALUTAZIONE DI PERIODI DI SERVIZIO ESPLETATO IN LAVORI INSALUBRI, AI SENSI DELL’ART. 25 DEL D.P.R. 29.12.1973, N. 1092