COMUNICATO STAMPA DEL 26 NOVEMBRE 2018

PROMUOVITALIA, SPARITI MILIONI DI EURO.

INDAGINI IN CORSO DEI MAGISTRATI, PER ANNI OMESSA VIGILANZA?

“Arriva la magistratura penale e punta il dito contro Promuovitalia, società di Enit, messa in liquidazione dal Ministro Franceschini per poi fallire ufficialmente con un ammanco di 17 milioni di euro, i dipendenti a casa e un contenzioso senza fine, e soprattutto più di uno scandalo tra cui la truffa per 90 milioni di euro delle casse europee finanziamenti impiegati destinati alla formazione al lavoro e al turismo e invece usati diversamente dall’agenzia governativa controllata dal Ministero dei Beni Culturali con tanto di furto dei computer con i dati di bilancio e delle spese non rendicontate – è quanto afferma il Segretario Nazionale della Confsal Unsa Beni Culturali, Giuseppe Urbino.

Signor Ministro, Segretario Generale, vorremmo sapere chi non ha vigilato negli anni sull’agenzia in house creata nel 2004 che ha chiuso nel 2013 senza un bilancio – dice il sindacalista – un pieno successo per una delle società che faceva capo al Mibac, che tra partecipate, controllate, e in house, ha giri per milioni di euro senza che nessuno lo sappia, almeno fino a quando non spariscono.

Eppure secondo quanto riportano gli organi di stampa – conclude Urbino – a dicembre 2013 a Promuovitalia sarebbero giunti circa 6 milioni dal Ministero dello Sviluppo Economico e circa due milioni dal Mibac.

E’ a questa agenzia che si deve la realizzazione del portale del turismo Italia.it, un pozzo nero dove sono stati buttati milioni di euro, un portale fatto con i piedi, non ha funzionato per anni, salvo andare on-line di recente dopo averci fatto lavorare altri consulenti esterni. Very bello, e non vi abbiamo detto tutto”.

Roma, 26 novembre 2018

Ufficio Stampa

Tel. 06/67232889 – 2348

Scarica e stampa il comunicato stampa del 26/11/2018