COMUNICATO STAMPA DEL 26 NOVEMBRE 2018

POCA TRASPARENZA SU INCARICHI, CONTROLLARE LE BIBLIOTECHE.

“ALLA MARUCELLIANA DI FIRENZE VA NOMINATA DIRETTRICE KATIA BACH” CHE HA RISPOSTO A INTERPELLO PUBBLICO DELLA DG BIBLIOTECHE

“Succede di tutto al MiBAC, pur di far partire una procedura e poi di svegliarsi al mattino e dire ci siamo sbagliati, ma vi rendete conto che state servendo le Istituzioni di questo Paese?

Sono parole di Antonio Parente, Segretario Regionale Confsal- Unsa Beni Culturali della Campania – nel caso specifico il Direttore delle Biblioteche, Paola PASSARELLI con una nota ufficiale ha interrotto l’iter di un regolare interpello  e affidato arbitrariamente al dirigente della biblioteca nazionale la direzione ad interim della biblioteca Marucelliana di Firenze che sarebbe spettata a Katia Bach, che ha risposto al bando nei tempi e,  avendo tutti i requisiti per proseguire in un incarico che in pratica è suo da anni, mentre si vorrebbe a tutti i costi altri che forse  non appartengono alla nostra amministrazione (Accademia dei Lincei).

Ma signor Ministro e signor Segretario generale, come può avvenire tutto questo senza rispettare quelle che sono le normali procedure per affidare un incarico?

Ora – prosegue Parente –  è necessario un sollecito intervento per ristabilire un minimo di legalità in una questione che ha molti lati oscuri. La Direttrice PASSARELLI non può gestire la cosa pubblica come se fosse qualcosa di privato.

Se poi – dice ancora il sindacalista – ci mettiamo anche che riceviamo quotidianamente lamentele da parte del personale di biblioteche diverse e mentre alla stessa direzione generale guidata da Paola PASSARELLI risulta assegnato da poco un dipendente al centro di indagini della Magistratura penale per molestie sessuali e che ha danneggiato l’immagine dell’intero ministero della cultura con comportamenti indecorosi descritti anche dalle cronache giudiziarie di molti quotidiani, crediamo conclude Parente che sia lei signor Ministro che lei signor Segretario Generale dobbiate intervenire al più presto.

UFFICIO STAMPA

Napoli, 26 novembre 2018

Scarica e stampa il comunicato stampa del 26.11.2018