COMUNICATO STAMPA DEL 19 GENNAIO 2018

L’UNSA FA ESPLODERE LE FORTI CONTRADDIZIONI CHE PER ANNI HANNO BLOCCATO I PASSAGGI TRA LE AREE DEGLI IDONEI.

In data odierna, le Organizzazioni sindacali sono state convocate d’urgenza per partecipare ad un tavolo tecnico, per esaminare le tematiche connesse alle procedure relative alle progressioni tra le aree.

Premesso che sul tema della riqualificazione la Confsal-Unsa è più volte intervenuta, non ultimo con una fase di interventi; la prima per segnalare quanto è stato inserito nella legge di stabilità 2018 per ciò che concerne la possibilità di poter assumere nell’ambito del MEF gli idonei dei concorsi interni e l’altra per segnalare l’incresciosa situazione che ancora permane nel MiBACT, che purtroppo da anni vede il personale idoneo che attende invano il relativo passaggio tra le aree (scorrimento dalle graduatorie).

Per l’Amministrazione è intervenuto il prof. Alessandro BENZIA, il quale ha sottolineato che sul tema della riqualificazione, non è soltanto una problematica del MiBACT, poiché ci sono altre Amministrazioni che si trovano nella stessa situazione.

Inoltre, ha sottolineato che ciò che è stato fatto, appare abbastanza singolare, poiché più volte il MEF si è espresso negativamente di fronte alla richiesta di poter procedere negli scorrimenti delle graduatorie degli idonei e quindi ripescare dalla graduatoria del 2010.

È ovvio che di fronte a questa anomalia, qualcosa è accaduto e quindi ci troviamo tra l’errore e l’orrore, poiché non solo si tratta di eccezionalità di trattamento, ma ci troviamo anche di fronte ad una questione di principio, se non addirittura di ordine etico-morale che travalica il diritto dei lavoratori.

Per questo, è stata sentita l’esigenza di un confronto attraverso il tavolo tecnico, volto a cercare delle soluzioni al fine di poter procedere nel migliore dei modi per uno scorrimento delle graduatorie così come sono state concesse al MEF con l’utilizzo delle graduatorie del 2007.

A questo punto vogliamo constatare se ancora una volta il MEF e la stessa Funzione Pubblica si pronunceranno negativamente, commettendo così una palese disparità di trattamento che non solo mortifica il personale del MiBACT, ma discrimina fortemente l’Amministrazione del MiBACT. Ovviamente tutto ciò dovrà essere, oltre che di comune accordo Amministrazione e OO.SS, anche una misura e decisione politica, poiché vi sono buone ragioni per sostenere tale legittima aspettativa dei lavoratori.

Inoltre, oltre a tale iniziativa, bisogna tenere in considerazione anche un’altra alternativa che potrebbe tener conto delle risorse disponibili o da accantonare per queste finalità.

Pertanto il tavolo tecnico ha concordato con il Prof. BENZIA di vederci a breve e cioè il 26.01.2018 per elaborare e mettere in pratica quanto sopra esposto. 

Roma, 19 gennaio 2018

Ufficio stampa

Tel. 06 6723 2348 /2889

Scarica e stampa il comunicato stampa del 19.01.2018