COMUNICATO STAMPA DEL 10 OTTOBRE 2017

IL DEGRADO’ DEL PALAZZO REALE DI NAPOLI

LE COLPE VANNO AL DIRETTORE DEL POLO MUSEALE CAMPANIA 

parente

Ancora una volta, la Confsal-Unsa Beni Culturali è intervenuta per tutelare chi lavora nel rispetto delle regole – esordisce così il Segretario Regionale della Campania dott. Antonio Parente – parlando dei rifiuti e della sicurezza del Palazzo, nonostante ciò sia stato denunciato numerose volte alla Dirigente del Polo Museale Campania.

Infatti, precisa il sindacalista, nonostante le segnalazioni e i rilievi che il sindacato ha fatto pervenire tempestivamente alla Direzione e dopo numerosi sopralluoghi, siamo stati costretti a far intervenire la ASL (Azienda Sanitaria Locale) che prontamente si è attivata ed ha rilevato tutte le criticità evidenziate dalla Confsal-Unsa, in merito alla sicurezza e alla salubrità del sito ai sensi del D.lgs. 81/08.

Pertanto, dopo una accurata ricerca di articoli giornalistici che hanno evidenziato il degrado del Palazzo Reale di Napoli, si è ravvisata solo una campagna denigratoria nei riguardi del Soprintendente Luciano Garella come è testimonianza l’ultima interrogazione parlamentare.

Dalle immagini e video, ritrovati sul WEB, oltre quelli che il Segretario Regionale Antonio Parente ha effettuato personalmente, si evince ben altro.

Il Palazzo Reale, attualmente “in consegna” alla dott.ssa Antonella Cucciniello, in qualità di Direttore del Palazzo, delegata dalla dott.ssa Anna Imponente Soprintendente del Polo Museale della Campania, avrebbe dovuto comunque sorvegliare e vigilare siti di propria competenza.

Inoltre le pratiche di cui tanto si parla, sono quelle afferenti a comuni non più di competenza del Soprintendente di Napoli ma bensì del Soprintendente dell’Area Metropolitana.

Questa pluricompetenza crea queste ed altre problematiche di gestione.

Pertanto – conclude Antonio Parente – forse non era preferibile quando vi era una unica Soprintendenza a gestire il Palazzo?

Ancora una volta, il sindacato ha svolto egregiamente il proprio ruolo evidenziando il problema reale, e alò servizio della collettività. 

UFFICIO STAMPA

CELL. 3473608651 

Si allegano: interrogazione parlamentare e immagini dal WEB

Scarica e stampa il comunicato stampa del 10.10.2017