RESOCONTO DI RIUNIONE DI CONTRATTAZIONE DEL 30.05.2017 TRA LE OO.SS. E L’AMMINISTRAZIONE

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Tumblr
  • LinkedIn
  • Blogger
  • Pinterest
  • Email
  • RSS

v4-728px-write-a-meeting-or-accomplishment-report-step-1-version-2

Si comunica che il giorno 30 maggio 2017 – alle ore 11.00 si è tenuto un Tavolo tecnico sui seguenti punti posti all’ordine del giorno:

  • Fondo unico amministrazione 2017;
  • Piano di valorizzazione 2017. 

Contrattazione:

  • Fondo unico amministrazione 2017;
  • Piano di valorizzazione 2017;
  • Protocollo d’intesa superamento festivi; 

SIGLATO L’ACCORDO SUL F.U.A. 2017

con la sottoscrizione dell’accordo, è stato chiesto all’Amministrazione di monitorare ad esempio il capitolo e gli stanziamenti per le turnazioni, poiché in alcuni casi non viene applicato regolarmente quanto previsto dall’art.13 del CCIM 2009. 

FIRMATO L’ACCORDO SUL PIANO DI VALORIZZAZIONE 2017

Anche questo accordo è stato firmato e riprende un po’ quello dell’anno precedente con l’unica variazione di inserire nei progetti anche il personale amministrativo afferente ai Segretariati Regionale e agli Uffici centrali. 

SUPERAMENTO DEI FESTIVI DAL 33% AL 50%.

Su questo ordine del giorno, contrariamente ad alcune sigle che si sono dichiarate non firmatarie dell’accordo, l’UNSA invece, in modo coerente lo sottoscrive, ritenendo pretestuosa la considerazione riferita al D.lgs.vo n. 66/2003 rispetto al massimo consentito dei festivi fino al 33% in ottemperanza della normativa europea per due motivi: il primo è che il nostro contratto per il nostro ministero non impone alcun divieto al riguardo e ci sarebbe da ricordare alle OO.SS. non firmatarie, che fino ad oggi invece facevano fuoco e fiamme per ottenere l’innalzamento dei festivi a favore di una migliore fruizione dei beni culturali e remare contro chi voleva diversamente lavorare al minimo i festivi. Insomma ecco il solito sdoppiamento di questi signori che una volta inneggiano alle condizioni di massima apertura in quanto l’utenza è sovrana, poi un’altra volta guarda caso, si appellano ai diritti europei attraverso il D.lgs.vo n. 66/2003. Certamente dovrebbero far pace con se stessi. Il secondo motivo risulta all’ANSA in quanto il citato decreto tratta anche di tantissime altre materie, quali quelle dell’orario, del riposo settimanale, di quello giornaliero, dei congedi, e così via. Argomenti per i quali conviene sottacere da parte di queste OO.SS. che hanno invece contrastato i concetti e le regole dello stesso decreto menzionato. Pertanto il riferimento a questa norma è stato “improprio” e assolutamente non valido. 

PROROGA RICHIESTA DEI 60 ESPERTI.

Anche qui si è manifestata apertamente la richiesta di alcune OO.SS. di prorogare i contratti alle 60 unità per un ulteriore anno ma alla stessa l’Amministrazione ha risposto che se del caso, dovrà verificarne l’esistenza di quelle condizioni necessarie per accettarla. 

CONCORSO DEI 500 FUNZIONARI

Al riguardo è stato richiesto all’amministrazione di tenere sotto controllo alcune criticità anche illegali nella gestione dello stesso concorso, in quanto come noto sembrerebbe che ci siano state delle irregolarità e le indagini promosse dall’autorità nei confronti di alcuni commissari risultati corrotti nel favorire alcuni partecipanti rispetto ad altri. Mentre per quei vincitori “interni” al MIBACT per i quali da più parti è stata segnalata l’esigenza e l’opportunità di mantenere nella propria sede quei dipendenti senza tra l’altro ledere le posizioni in graduatoria di tutti gli altri, in considerazione dell’analisi degli organici introdotti con il nuovo DM del 19 settembre 2016 rispetto a quelli di fatto risalenti a maggio 2015 e per la quale ad esempio anche in considerazione di moltissimi colleghi andati in pensione, si potrebbero aumentare i numeri delle stesse graduatorie, come avvenuto per i bibliotecari che sono stati aumentati di ulteriori 29 bibliotecari aggiunti, in funzione dei numeri delle unità in organico superiori rispetto alle valutazioni iniziali. 

ATTESA DELLO SCORRIMENTO TRA LE AREE

In virtù della modifica introdotta dal Consiglio dei ministri in data 19 maggio 2017 sul D.Lgs. 165/2001che permetterebbe di realizzare finalmente gli scorrimenti tra le aree. La modifica attualmente sta alla firma del Presidente della Repubblica.

Cordiali saluti 

IL COORDINAMENTO NAZIONALE

CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI

Scarica e stampa il comunicato sindacale n. 10/17 e i relativi allegati

Share and Enjoy