COMUNICATO STAMPA DEL 26 MAGGIO 2017

BATTAGLIA: BENI CULTURALI, LO STATO VIENE PRIVATIZZATO CON SOCIETA’ COME LA “ALES spa”

news-26-05-2017

«La P.A. è vecchia? Certo che sì» risponde Massimo Battaglia, Segretario Generale della Federazione Confsal-UNSA «i giovani cercano lavoro, non vengono banditi concorsi, ma nel frattempo società a partecipazione pubblica come Ales spa nei Beni Culturali assumono personale che lavora per la Pubblica Amministrazione senza nessun controllo e senza nessun concorso».

«Nel frattempo» continua Battaglia «nella P.A. migliaia di giovani con stage e tirocini vengono sfruttati senza nessuna prospettiva. Siamo al corto circuito generazionale: invecchiamento della PA, tirocinanti interni senza prospettive, costituzione di società esterne che assumono senza concorso».

«Queste società rappresentano di fatto uno spreco di risorse pubbliche, dove un posto da dirigente è retribuito con 119mila euro l’anno, giustificato forse solo dall’interesse dei partiti di gestirle» afferma Battaglia «Noi contestiamo un modello, quello attuale, che sulla scorta dell’equazione “pubblico uguale inefficienza” ha provveduto a creare società esterne partecipate a cui affidare servizi pubblici, ma che sfuggono ai principi più elementari della Costituzione, sia in merito alla selezione del personale che lavora per la PA (che non passa più dal concorso pubblico) sia in termini di equilibrio di bilancio essendo queste società un affare anti economico, che forse fa comodo a pochi»

Il Segretario conclude «chiediamo al Governo di intervenire prontamente per superare questo modello distorto e riprendere una vera e propria stagione di assunzioni nella PA seguendo i canali della legittimità costituzionale, bandendo nuovi concorsi pubblici che diano prospettiva a centinaia di migliaia di giovani in cerca di lavoro stabile e regolare».

Scarica e stampa il comunicato stampa del 26.05.2017