COMUNICATO STAMPA DEL 08 MARZO 2017

 Mensa San Michele e le pietanze venute dal freddo”  

Lamentele del personale per i cibi somministrati a temperature basse e sotto gli standard previsti dalle normative della ASL 

La salute non può attendere

pre_604_1322488826_zoom

 

“Mensa del San Michele, una delle sedi decentrate del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo: cibi sempre maledettamente freddi. E’ questa una delle lamentele comuni di gran parte del personale che usufruisce di un servizio al limite della sufficienza.

Già dai primi minuti dopo l’apertura dei locali per la pausa pranzo dei dipendenti – afferma Giuseppe Urbino, Segretario Nazionale della Confsal- Unsa Beniculturali – le pietanze servite (sul quale occorrerà un successivo approfondimento) risultano essere sotto la temperatura richiesta per legge e dalla normativa dell’Azienda Sanitaria Locale. D’accordo che ci sono i fornetti a micro onde per riscaldare ma questa è una situazione che non può più essere sostenuta, visto che i dipendenti con 30 minuti di pausa non riescono a servirsi delle strutture esterne al Ministero.

Una situazione – aggiunge il sindacalista – a cui occorre riporre immediata soluzione.

  • I banconi dove si servono i cibi sono idonei?
  • Hanno la tenuta con acqua calda per mantenere le temperature a norma?

La commissione di cui fa parte diverso personale di palazzo San Michele, che fine ha fatto?

Forse si è sciolta nel nulla perché non ascoltata? 

Sarà il caso che debba essere rinnovata e magari sostituendo i vecchi componenti con nuovi? 

Questo Sindacato – conclude Urbino – chiede immediate spiegazioni ovviamente prima di dover inviare un esposto all’ASL di competenza, affinché parta un’ispezione accurata su tutta la gestione di una mensa aziendale, che crediamo necessiti un restilyng immediato, perché la salute pubblica non può più attendere!! 

Roma, 08 marzo 2017

Ufficio Stampa

Tel. 06/67232889 – 2348

Scarica e stampa il comunicato stampa del 08/03/2017